Conti in attivo: approvati i bilanci consuntivo 2018 e preventivo 2019

caccia-al-cinghiale
CACCIA AL CINGHIALE: LE ASSEGNAZIONI DEFINITIVE DELLE ZONE ALLE SQUADRE
4 dicembre 2018
branco_cinghiali_atc_roma2
Selezione, URGENTE: compilare e spedire all’A.D.A. il modello per l’iscrizione all’albo regionale
10 dicembre 2018
bilancio-irap-fisco7-2016

I conti dell’Atc sono in ordine e a breve si passerà agli investimenti. Lo ha stabilito lo scorso 4 dicembre l’assemblea dei soci, chiamata a valutare il consuntivo 2018 e il preventivo 2019 dell’Ambito Territoriale di Caccia Roma 2. Il consesso ha approvato all’unanimità tanto il rendiconto quanto il preventivo, proponendo inoltre di porre in essere iniziative di più ampio respiro rispetto ai “semplici” ripopolamenti.

In particolare, la gestione oculata degli ultimi anni ha consentito all’Ambito di chiudere il 2018 con un attivo di circa 70 mila euro, cui si andranno a breve ad aggiungere gli stanziamenti regionali non ancora pervenuti per l’anno che si va chiudendo, il che contribuirà ulteriormente ad aumentare le capacità finanziarie dell’ente.

Il presidente Colognesi e il consiglio direttivo hanno accolto con entusiasmo la proposta dell’assemblea dei soci, le cui componenti venatoria, agricola, ambientalista e istituzionale si sono trovate d’accordo nel chiedere all’Atc iniziative di maggiore spessore, da realizzarsi già nel corso del 2019. Azioni, quelle chieste dall’assemblea, che dovranno essere di interesse non solo per il mondo venatorio, ma anche per l’intera collettività: gestione dell’ambiente e del territorio, prevenzione, biodiversità. Dalle opere di miglioramento ambientale fino alla costruzione di altane per l’avvistamento degli incendi durante l’estate, dall’istituzione delle zone di ripopolamento e cattura fino a corsi di formazione, convegni e progetti di comunicazione integrata: il consiglio direttivo è già al lavoro per valutare tutta una serie di iniziative che dovranno tradurre in fatti concreti la gestione finanziaria ineccepibile che ha contraddistinto l’Atc fino ad oggi, garantendogli le risorse necessarie per operare un “cambio di passo” necessario e richiesto dalle varie componenti dell’assemblea dei soci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *